1165
    • 04 GEN 22
    Circoncisione facile: senza paura, senza dolore e in un minuto. Intervista al dott. Giuseppe La Pera

    Circoncisione facile: senza paura, senza dolore e in un minuto. Intervista al dott. Giuseppe La Pera

    Le patologie andrologiche, contrariamente a quanto chi ne soffre possa pensare, riguardano gran parte della popolazione maschile. Sono problematiche che, oltre al disagio fisico, causano sofferenza psicologica ed emotiva. Oggi, grazie all’alta specializzazione andrologica ed alle tecniche innovative utilizzate, il trattamento e la risoluzione di queste patologie è sempre meno invasiva e più efficace.

    Come avviene ad esempio per il trattamento della circoncisione nei casi di fimosi dovuta a patologie mediche. Ne parla il dott. Giuseppe La Pera, specialista in Andrologia ed Urologia di UPMC Salvator Mundi International Hospital e docente di Andrologia all’Università di Roma Sapienza.

    Dott. Giuseppe La Pera, specialista in Andrologia ed Urologia UPMC Salvator Mundi International Hospital

    Questa tecnica innovativa utilizzata dal dott. Giuseppe La Pera in UPMC Salvator Mundi International Hospital si basa sull’uso di una suturatrice circolare per la circoncisione nel trattamento delle fimosi, nell’adolescente e nell’adulto. Una problematica che interessa numerosi uomini ma che, molti, per timore del dolore o della paura, trascurano, rimandando l’intervento.

    Dottor La Pera, qual è l’innovazione della tecnica di circoncisione da lei utilizzata?

    La novità consiste nella tipologia di suturatrice circolare automatica che viene effettuata in anestesia locale e che semplifica e migliora di molto l’intervento chirurgico.

    Dott. La Pera quali sono i vantaggi della circoncisione con suturatrice automatica?

    I vantaggi sono importanti rispetto all’intervento tradizionale con la sutura manuale. Sicuramente la riduzione significativa del dolore intra e post-operatorio e la riduzione dei tempi di esecuzione dell’intervento, ovvero 1-3 minuti, contro i 30 necessari per la sutura manuale. Un altro aspetto molto  apprezzato da chi ha fatto l’intervento con questa tecnica è senz’altro la guarigione più rapida e soprattutto i migliori risultati estetici del margine di sutura.

    Dott. La Pera quali sono le criticità di questo nuovo strumento invece?

    In alcuni casi le spillette metalliche rilasciate automaticamente nella suturatrice, solitamente cadono da sole nel giro di 2 settimane, talvolta invece devono essere rimosse dal medico dopo 3-4 settimane e questo rende necessaria una ulteriore visita nel post-operatorio. Parlando di costi, invece, sono maggiori rispetto al tradizionale intervento, in quanto necessitano di strumenti monouso.

    In genere, in quali casi sconsiglia la circoncisione con la suturatrice automatica?

    Va detto naturalmente che prima di stabilire quale tipo di intervento sia più indicato per la singola persona, è necessaria un’attenta analisi della sua situazione e del tipo di fimosi di cui si tratta. In genere la sconsiglio nei casi di: infezione in atto e nei casi frenulo corto effettuo la frenulo plastica prima dell’uso della suturatrice.

    Nei casi invece di fimosi serrata e fimosi funzionale e di infiammazione cronica del prepuzio come nei casi di Lichen preferisco altre tecniche chirurgiche.

    Il disagio causato dalla fimosi può ora essere risolto, dunque, nel momento giusto, senza temere il dolore e con risultati estetici migliori.