Fratture d'anca. Come prevenirle - UPMC Salvator Mundi International Hospital
    • 06 SET 21
    Fratture d’anca. Come prevenirle

    Fratture d’anca. Come prevenirle

    La prevenzione delle cadute e la gestione dell’osteoporosi sono fattori chiave per ridurre al minimo i rischi di frattura dell’anca.

     

    Le cadute possono spesso causare fratture, in particolare nei pazienti con osteoporosi. L’osteoporosi causa la debolezza e la fragilità delle ossa e, in questi casi, anche cadere può avere come conseguenza la frattura dell’anca, una delle principali cause di disabilità e morte negli anziani.

    Prevenzione delle fratture dell'anca

    Un primo passo importante per prevenire le fratture dell’anca è riconoscere l’osteoporosi e trattarla tempestivamente. L’osso è un tessuto vivente e il corpo è costantemente sottoposto a perdita di tessuto osseo che viene sostituito con nuovo tessuto. A partire dai trent’anni, la maggior parte delle persone inizia gradualmente a perdere più tessuto osseo di quello che viene sostituito, con il risultato che le ossa diventano più fragili e sottili.

    L’osteoporosi colpisce uomini e donne, tuttavia sono a più alto rischio le donne di età superiore ai 50 anni.

    L’osteoporosi, che in genere non presenta sintomi riconoscibili, viene diagnosticata tramite una scansione DXA, un test semplice e indolore simile ad una radiografia e che serve a misurare la densità minerale ossea.  Una volta diagnosticata l’osteoporosi, il trattamento solitamente consiste nell’integrazione di calcio e vitamina D, farmaci ed esercizi con i pesi.

    Ridurre il rischio di fratture dell'anca

    Anche se osteoporosi familiare una struttura ossea piccola sono i principali fattori di rischio nello sviluppo della malattia, chiunque può iniziare a cambiare il proprio stile di vita in giovane età per prevenirne lo sviluppo. Questo include seguire una dieta sana con adeguate quantità di calcio e vitamina D, esercizi con i pesi e di potenziamento muscolare, evitare il fumo e l’uso eccessivo di alcool.

    La prevenzione delle cadute è un altro fattore chiave per ridurre al minimo il rischio di fratture dell’anca.  Le cadute negli anziani sono causate da diversi motivi. Con l’età si perde la capacità di recupero dopo cadute accidentali causate da oggetti o animali domestici. I pazienti anziani assumono spesso molteplici farmaci che a volte possono interagire e causare vertigini, sonnolenza e perdita dell’equilibrio. È importante chiedere al proprio medico o farmacista se i farmaci che si assumono possono interagire tra loro.

    Prevenzione delle fratture dell'anca in casa

    È importante valutare la sicurezza domestica per rendere il vostro ambiente quotidiano più sicuro. Ad esempio, i tappeti possono essere pericolosi e le prolunghe non devono mai attraversare degli spazi aperti. Nei bagni, se necessario, posizionare barre di trazione e tappetini antiscivolo. Evitare comportamenti rischiosi come salire sui mobili per sostituire una lampadina o per pulire e spolverare.  Anche un’illuminazione adeguata è fondamentale, poiché con l’invecchiamento la vista può peggiorare e rendere più difficile vedere i pericoli lungo il percorso.

    Con una maggiore comprensione dell’osteoporosi, dei suoi fattori di rischio e delle strategie di prevenzione, gli anziani possono evitare la condizione debilitante di una frattura dell’anca e godere di una qualità di vita migliore.

    In caso di frattura d’anca o di osteoporosi consulta uno dei nostri specialisti del Centro di Ortopedia e Traumatologia di UPMC Salvator Mundi International Hospital.