Lesione della cuffia dei rotatori: l'intervento di protesi inversa - UPMC Salvator Mundi International Hospital
    • 06 SET 21
    Lesione della cuffia dei rotatori: l’intervento di protesi inversa

    Lesione della cuffia dei rotatori: l’intervento di protesi inversa

    Le lesioni della cuffia dei rotatori sono una causa comune di dolore alla spalla. Oggi la chirurgia permette di trattare lesioni anche gravi.

     

    Avete un dolore alla spalla che vi tiene svegli la notte? È diventato difficile pettinarvi i capelli o arrivare ad uno scaffale in alto?

    Le lesioni della cuffia dei rotatori sono una causa comune di dolore alla spalla. Oggi la chirurgia permette di trattare lesioni anche gravi. Sulla base dei consigli del vostro medico, potrete optare per il tradizionale intervento di protesi della spalla oppure per una procedura più recente nota come intervento di protesi inversa della spalla.

    Come funziona la spalla

    L’articolazione della spalla è composta da tre ossa:

    • clavicola
    • scapola
    • omero

    La testa dell’omero si inserisce in una cavità poco profonda della scapola, formando una sfera e un incavo di cui probabilmente avrete sentito parlare. Un gruppo di quattro muscoli, insieme ai tendini, circonda l’articolazione e stabilizza  il braccio. Il complesso di questi quattro muscoli è la cuffia dei rotatori.

    Cause di lesioni della cuffia dei rotatori

    Movimenti ripetuti del braccio, l’artrite e alcuni sport possono causare lesioni alla cuffia dei rotatori. L’artrite aggrava il dolore e le difficoltà di una lesione della cuffia dei rotatori.

    Cosa si intende per chirurgia della spalla?

    Se il dolore diventa molto forte o si perde la maggior parte della mobilità nella spalla, il medico può consigliare un intervento chirurgico di protesi della spalla.

    Esistono due opzioni:

    • Protesi totale della spalla con sostituzione dell’omero e dell’incavo della spalla
    • Nuovo intervento di protesi inversa della spalla

     

    Cos'è l'intervento di protesi inversa della spalla?

    Nell’intervento di protesi inversa della spalla la sfera viene sostituita da un incavo e l’incavo viene sostituito da una sfera. Un elemento rotondo, la sfera, viene fissato all’osso della spalla e un elemento a forma di coppa viene fissato all’estremità superiore dell’omero.

    Chi è il candidato ideale per un intervento di protesi inversa della spalla?

    Il vostro medico potrebbe consigliarvi questo intervento in caso di grave lesione alla cuffia dei rotatori, oppure se i muscoli non funzionano correttamente, come nel caso dell’artrite reumatoide. In un intervento di protesi della spalla di tipo tradizionale il raggio limitato della cuffia dei rotatori potrebbe avere conseguenze sul movimento che avrete recuperato dopo l’intervento.

    Con un intervento di protesi inversa della spalla il muscolo deltoide, il gruppo muscolare grande che forma il contorno della spalla, viene utilizzato per muovere il braccio. Con questo intervento potrete recuperare un’elevazione maggiore rispetto all’intervento tradizionale.

    L’intervento di protesi inversa della spalla costituisce oggi circa la metà di tutti gli interventi di protesi della spalla.

    Come per qualsiasi intervento chirurgico importante, saranno necessari alcuni mesi per il recupero e un rigoroso programma di riabilitazione. La fisioterapia dopo l’intervento vi aiuterà a sollevare il braccio e recuperare la massima estensione sopra la testa.

    In UPMC Salvator Mundi è possibile affrontare l’intero percorso di tarttamento, dalla diagnosi e chirurgia (per maggiori info clicca qui) alla riabilitazione (per maggiori info clicca qui).