Protesi d'anca. Quando sottoporsi all'intervento - UPMC Salvator Mundi International Hospital
    • 06 SET 21
    Protesi d’anca. Quando sottoporsi all’intervento

    Protesi d’anca. Quando sottoporsi all’intervento

    L’intervento di protesi d’anca può aiutare a recuperare una qualità di vita altrimenti perduta in anni di dolori e limitazioni causate dai danni articolari.

    E' il caso di sottoporsi ad un intervento di protesi d'anca?

    Se si soffre di rigidità all’anca diventa difficile alzarsi da una sedia, camminare anche per brevi distanze o salire le scale. La sostituzione completa dell’articolazione aiuta a recuperare una qualità di vita altrimenti perduta in anni di dolori e limitazioni causate dai danni articolari. L’intervento di protesi d’anca è uno degli interventi di sostituzione di articolazione più comunemente eseguiti.

    Quando è necessario un intervento di protesi d'anca?

    L’osteoartrite è la causa principale di danni articolari e dolori che richiedono un intervento di protesi d’anca. L’anca è assimilabile a un incavo sferico: l’estremità superiore del femore (testa femorale) è la sfera inserita in una porzione del bacino chiamata acetabolo (incavo).

    La cartilagine che ricopre la sfera e l’incavo consente all’anca di ruotare all’interno. Nelle persone che soffrono di artrite la cartilagine comincia a deteriorarsi e le ossa sfregano tra loro. Ciò provoca dolore, rigidità e gonfiore. Il dolore può essere avvertito in profondità fino all’inguine o alle ginocchia.

    Spesso, l’osteoartrite si presenta con l’età, ma anche in seguito a una lesione articolare. Per molte persone farmaci, esercizi, punture di cortisone e altri rimedi non invasivi sono sufficienti per gestire il dolore. Il medico proverà sempre con rimedi non chirurgici prima di consigliarvi di effettuare un intervento.

    Tuttavia, potreste arrivare ad un punto in cui sarà necessario un intervento di protesi d’anca. Durante l’intervento, il chirurgo ortopedico rimuove il tessuto danneggiato e sostituisce la testa del femore e l’incavo con delle protesi.

    Alcuni segni che indicano che è arrivato il momento di parlare con il vostro medico di un eventuale intervento di protesi d’anca: 

    • Dolore che non passa con i farmaci
    • Dolore e rigidità che impediscono di svolgere le normali attività quotidiane
    • Danni significativi all’articolazione o artrite avanzata
    • Necrosi avascolare o lesione che interrompe l’afflusso di sangue alla testa femorale, causando l’artrite

    Oltre all’artrite, alcune fratture dell’anca possono richiedere l’ntervento di chirurgia protesica se il danno non può essere riparato in altro modo.

    E' il caso di sottoporsi ad un intervento di protesi d'anca?

    Dover essere sottoposti ad un intervento chirurgico è una prospettiva che fa paura. Tuttavia, la chirurgia protesica dell’anca ha fatto molta strada nel corso degli anni; oggi si utilizzano materiali di lunga durata, tecniche chirurgiche meno invasive e i tempi di recupero sono più rapidi.

    Tutte le persone di ogni età, abbastanza sane da affrontare un intervento chirurgico, possono essere candidate all’intervento. La decisione viene presa in base al livello di disabilità. Per capire se sia necessario un intervento di protesi d’anca parlate con il vostro medico. Assicuratevi di discutere:

    • Rischi e benefici dell’intervento.
    • Tecniche chirurgiche e tempi di recupero
    • I risultati che potete attendervi sulla base della vostra età e stato di salute
    • Sintomi e opzioni di trattamento alternativi all’intervento chirurgico.

    Più siete giovani e attivi e più le vostre articolazioni saranno soggette ad usura. I soggetti più giovani potrebbe avere bisogno di sottoporsi ad un intervento di controllo ad un certo punto della loro vita.  Fortunatamente, anche la revisione chirurgica è sicura e vi permette di continuare con le vostre attività quotidiane.

    Per maggiori informazioni e per consultare uno dei nostri specialisti clicca qui.