Chirurgia Bariatrica - UPMC Salvator Mundi International Hospital
  • Chirurgia Bariatrica

    Cos’è la chirurgia bariatrica

    La chirurgia bariatrica è una branca della chirurgia generale che si occupa del trattamento dell’obesità e delle sue complicanze, per consentire al paziente di ritrovare salute e benessere.
    Grazie alla chirurgia bariatrica il paziente che soffre di obesità può dimagrire e migliorare, o addirittura risolvere, le numerose patologie correlate all’obesità come ad esempio il diabete mellito di tipo II, l’ipercolestertolemia, l’ipertensione arteriosa.
    In particolare, per quanto riguarda il compenso glicemico, studi clinici evidenziano un sostanziale miglioramento o addirittura una risoluzione del diabete mellito di tipo 2 ottenuto con la chirurgia bariatrica indipendentemente dal calo ponderale.
    Ricerche scientifiche evidenziano come il rischio di sviluppare il cancro del colon-retto sia minore del 35% nei pazienti che si sottopongono a chirurgia bariatrica rispetto a chi non ricorre a questo tipo di interventi. Allo stesso modo, a 5 anni dall’operazione, il paziente ha lo stesso rischio di una persona sana di incorrere in una patologia cardiovascolare.
    La validità dell’approccio chirurgico – grazie anche al continuo miglioramento delle tecniche chirurgiche – è ormai ampiamente dimostrata e testimoniata dal continuo aumento del numero di interventi effettuati annualmente.

    Definizione di obesità

    L’obesità viene definita mediante l’Indice di Massa Corporea (IMC o BMI) che si calcola dividendo il peso (in kg) per il quadrato dell’altezza (in metri). Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), se l’IMC risulta essere tra 25 e 29,9 si parla di “sovrappeso”, mentre quando è pari o superiore a 30 si parla di “obesità”.
    L’eccesso di peso, oltre a causare disabilità fisiche e problemi psicologici, aumenta drasticamente il rischio di sviluppare numerose patologie tra cui malattie cardiovascolari, cancro e diabete, riducendo qualità e aspettativa di vita.

    Quando fare un intervento di chirurgia bariatrica

    La decisione di ricorrere alla chirurgia bariatrica è comunque il frutto di un’attenta ed elaborata anamnesi delle condizioni di salute complessive del paziente con obesità. In UPMC Salvator Mundi International Hospital, il paziente viene accolto e guidato nel suo percorso – diagnostico prima e di cura poi – da un team multidisciplinare costituito in particolare, oltre che dal chirurgo, dall’endocrinologo, dal dietologo e dallo psicologo/psichiatra; non è affatto trascurabile, infatti, l’impatto psicologico che la patologia, ma anche sia il percorso di trattamento che di follow-up, hanno a livello personale e sociale.
    Qualora – dopo attenta valutazione da parte dell’equipe dello stato della singola persona – si evidenzi l’impossibilità di ridurre il peso con altri approcci terapeutici, viene consigliato di sottoporsi ad intervento di chirurgia bariatrica.
    Nel dettaglio è possibile sottoporsi ad un intervento di chirurgia bariatrica quando:

    – IMC ≥ di 40.
    – IMC ≥ di 35 in presenza di patologie obesità-legate.
    – IMC ≥ di 30 in presenza di diabete mellito di tipo II.